Colori acrilici e tempere sono stessa cosa?

Se iniziate a dipingere o volete iniziare è bene che sappiate che saranno i colori acrilici i vostri primi amici, alleati e strumenti. Il motivo è molto semplice. Sono nati apposta per la pittura facile, moderna e brillante. La loro composizione li rende ideali per una pittura che non si rovini facilmente, che asciughi velocemente ma non tanto da non poter essere ritoccata a fine lavoro, che sia brillante, e che resti nel tempo. I colori acrilici contendono alle tempere la loro visibilità, e il loro uso da parte degli artisti imberbi. Si tratta infatti di due prodotti differenti che possono essere usati in maniera diversa, sono di composizione diversa, si usano su supporti diversi.

Dalla parte dei colori acrilici infatti c’è proprio il fatto che essi sono adatti per tutti i supporti: la tela, il legno, la carta, i muri. Ovviamente se dovete dipingere un murales e avete un committente e volete sembrare o siete un espero, allora converrà puntare su un prodotto apposito, sviluppato dall’industria apposta per il supporto murale, e destinato a sottostare alle temperie e a tutti gli agenti atmosferici come sole, vento, pioggia, gelo, calura, umidità, in modo che resti visibile il più al lungo possibile.

Il colore acrilico inoltre, è più elastico, più plastico. Mentre la tempera appena si asciugherà avrà delle spaccature, delle crepe, che aumenteranno con il passare del tempo, il colore acrilico avrà maggiore tenuta, non si seccherà a tal punto da spaccarsi sulla superficie, avrà maggiore brillantezza e per un tempo prolungato.

Inoltre, se la tempera si asciuga presto e secca, non permette un ritocco del lavoro, questo non è vero per il colore acrilico, che permetterà, anche a fine lavoro, prima che si sia asciugato completamente alcuni ritocchi. Andranno usati degli spray vaporizzatori, che permetteranno maggiore malleabilità del colore acrilico, che lo manterranno malleabile, prima dl lavoro finito. Uno del problemi del colore acrilico è che va diluito con un po’ d’acqua, in modo da poter anche essere sfumato sulla tela e da creare chiaroscuri. Inoltre va conservato accuratamente dopo l’uso anche se lo teniamo in tubetti, in modo che resti utilizzabile il più a lungo possibile. Rispetto alla tempera, il colore acrilico è più economico, si vende in pratici tubetti o in barattolini, e abbiamo detto già delle mille risorse che in fase di lavoro esso rivela. La particolarità sta nella composizione: il colore acrilico è composto sa resina e da pigmenti di colori che lo rendono elastico e malleabile. Inoltre a partire da pochi colori primari, come blu, rosso, giallo si possono formare tutti gli altri. Sarà utile avere anche il bianco e il nero, e se proprio vogliamo essere bravi anche l’ocra e il cremisi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...