Colori acrilici si possono usare sul vetro?

Uno degli usi per i colori acrilici è la pittura su vetro. Decorare vetrate, bicchieri, brocche, portafiori e altri supporti in  vetro può essere molto divertente e di solito è una tecnica che viene anche insegnata nelle scuole. Perché è facile da realizzare e perché i risultati sono molto soddisfacenti. Cosa occorre per decorare o dipingere su vetro? Sicuramente i colori acrilici e il supporto in vetro. Per iniziare è inutile puntare ad ottenere effetti troppo scenografici, limitiamoci a prendere come modello un fiore o un paesaggio stilizzato o molto semplice. In alternativa, se vogliamo, possiamo usare un volto, anche per esempio di vip molto gettonati come Marilyn o, cosa di questi giorni, David Bowie. Certo il supporto in vetro è indicato per decorazioni vere e proprie. Andiamo avanti. Occorrono inoltre del piombo finto, dei pennelli di varie dimensioni, un contenitore di vetro, una spugna, un foglio di carta, una vernice protettiva. Possiamo disegnare inizialmente il nostro soggetto su un foglio di carta e prendere le misure in modo da assicurarci che il foglio e il piatto o il contenitore in vetro siano proporzionalmente simili, nelle dimensioni. Tutto l’occorrente, una volta che l’abbiamo a portata di mano, lo raduniamo sul nostro piano di lavoro in modo da renderlo immediatamente reperibile. Con il piombo finto, di solito disponibile in tubetto, dotato di un apposito erogatore con punta molto fine che ci permette una precisione indispensabile, possiamo ricalcare i contorni del nostro disegno dal foglio di carta al piatto o contenitore in vetro, in modo che resti traccia del disegno. Il vetro dovrà riposare, in modo che il piombo finto si fissi, per un tempo che può preferibilmente essere di una giornata.  Ecco adesso la parte divertente delle decorazioni in vetro, la pittura con i colori. Il colore verrà applicato in maniera uniforme e con pennelli la cui punta varierà fino a punte fini in corrispondenza dei contorni dove sarà necessaria una maggiore precisione. In caso sbagliamo ad applicare il colore possiamo usare una spugnetta imbevuta d’acqua e rimuoverlo con molta facilità e ripetere l’operazione. La nostra piccola ma bellissima opera d’arte potrà adesso asciugare, per altre 24 ore, prima di essere esposta in un ambiente che le renda la giustizia dovuta. Supporti ideali di queste operazioni di decoro sono naturalmente i piatti ma anche i bicchieri di vino non più utilizzati per non parlare delle damigiane di vetro ormai dimenticate nelle soffitte o in cantina ma che si prestano per la loro superficie particolarmente estesa per esempio ai paesaggi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...