Meglio i colori acrilici o i colori ad olio?

I colori ad olio rappresentano la storia della pittura, sono quelli che per esmepio hanno usato i pittori fiamminghi per studiare gli effetti della luce, i colori ad olio sono quelli che usò Leonardo Da Vinci per dipingere la Gioconda o Monnalisa e la Vergine delle Rocce, sue dei dipinti in assoluto più belli di sempre. I colori acrilici invece rappresentano la svolta moderna della pittura, sono stati creati a partire da pigmenti che vengono legati con polimeri artificiali, anzi con una resina polimera che non si trova in natura. Il risultato di questa creazione di laboratorio è che i colori sono più brillanti, asciugano più velocemente, è più facile diluirli e si diluiscono con acqua, è più facile mescolarli tra loro.

I colori ad olio necessitano di una tecnica non indifferente per essere utilizzati perché vanno diluiti con sostanza come la trementina e l’olio di lino, poi vanno posti sulla tela con particolare accuratezza. Le possibilità pittoriche che offre la tecnica ad olio sono molteplici e molto più complesse e variegate, perché si potranno creare molte più sfumature e molte più tonalità. I colori a olio, che essiccano molto lentamente e devono essere sottoposti alla luce diretta del sole altrimenti si rischia che ingialliscano, offrono però le maggiori probabilità di conservarsi nel tempo, di stabilità e inalterabilità. Insomma un dipinto a olio si conserva più a lungo! Esso però sarà anche molto più pesante, perché sulla tela avrete spalmato olii a grande quantità. Di solito si consiglia di dipingere il grasso sul magro, cioè ma n mano che si procede con gli strati del colore si aumentano le quantità di diluenti, di olii, in modo da non compromettere lo strato di colore sottostante.

Se sia meglio il colore a olio o il colore acrilico lo stabilirete voi, usandoli. Certo è che dovete anche capire che tipo di lavoro ottenere, gli effetti, la durata. Il colore acrilico si presta a una maggiore varietà di supporti, praticamente a tutti: carta, cartine, muri, vetro, legno, tela. Ovviamente converrà puntare sulla qualità del colore in modo da non dover buttare nel cestino soldi e ore di fatica. La scelta tra i colori ad acqua, tempere e acrilici, e ad olio la farete voi a seconda se amate l’effetto moderno brillante oppure l’effetto antico, più slavato, ma solo apparentemente. Sarebbe un effetto dei colori più naturale probabilmente oppure dovuto ad una luce diversa, più fioca, quella delle candele, degli ambienti privi di luce artificiale. Un occhio diverso.coloriolio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...